Juliet in Berlin – Letters #11

Lettere

Ma l’hai capito che la tua voce mi spoglia più delle tue mani? Mi rende ogni volta più vulnerabile. In qualche modo fragile.

Le mie ombre nel tuo sguardo. Il tuo profilo disegnato sulla mia pelle.

È difficile lasciarmi senza parole ma tu ci riesci sempre. E poi come sempre mi lasci. 

Nuda e con in bocca solo il sapore amaro della tua assenza.

 

(Credits: Pinterest)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...